Acciuga (Engraulis encrasicholus)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaEngraulidae
GenereEngraulis
Specieencrasicholus
ClassificazioneLinnaeus, 1758
Nome latinoEngraulis encrasicholus
Sinonimi latiniClupea encrasicholus, L., 1758; Clupea engraticholus, Asso, 1801; Clupea encrasicholus, Lacépède, 1803; Clupea engrassicholus, Delaroche, 1809; Engraulis meletta, Cuvier, 1817; Engraulis vulgaris, Nilsson, 1832; Engraulis encrasicholus, Canestrini, 1874.
Nome comuneAcciuga
Nomi dialettaliAbruzzo: Alice; Calabria: Alicia; Campania: Alice, alice anue, alice 'e sperone, alice annure; Lazio: Alice; Liguria: Ancioia, anciua, anciue, gianchetti (j.); Marche: Sardone, paranzoli (j.); Puglia: alaisce, alece, alice; Sardegna: Anciova, anciovitta, acciuga, azzuga; Sicilia: Aliccia, ancidda; Veneto: Anchiò, sardon.
Sinonimi italianiAlice
Nome ingleseAnchovy e European amchovy.
Sinonimi inglesiInesistenti.
PinneD: 15-18 (Tortonese et Al.), 15-17 (Bini et Al.); A: 16-18 (Tort. et Al.), 16-20 (bini et Al.), 17-18 (Peronaci et Al.), 20-26 (Lythgoe et Al.); C: 2-21/22-3; P: 14-19; V: 7. Branchiospine : 30.
DentiMolto fitti ed acuti su entrambe le mascelle, palatini, vomere e pterigoidi.
Linea lateraleNon rilevata.
TagliaIn genere non supera i 12-15 cm., raramente può raggiungere i 20 cm. (Whitehead).
DistribuzioneLo si trova dal nord Europa (coste inglesi e del sud norvegese e svedese, ma non nel Baltico) al Marocco e oltre, Mediterraneo, al Nero e di Azov.
DescrizioneCorpo non molto compresso, arrotondato al ventre e molto allungato (rapporto lunghezza:altezza = 1:5 fino a 1:6,5); anche il capo è notevolmente allungato (rapporto capo:corpo = ca 1:4), muso prominenete, acutiforme. Bocca posta inferiormente con mascella superiore prominenete. Occhi grandi, aperture branchiali molto ampie. Ha una sola pinna dorsale a metà quasi esatta del corpo, corte sia la dorsale che l'anale (S.). Squame grandi e molto caduche.L'acciuga ha dorso azzurro verde con fianchi e ventre argento brillante. Le due colorazioni sono separate sui fianchi da una striscia longitudinale blu. Coda con margine più scuro.
AbitudiniPesce pelagico migratore (forma dei banchi anche enormi), pure eurialino ed euritermo, che si avvicina alle coste in primavera ed estate, mentre d'inverno scende fra i 100 e 150 m. di profondità. Può vivere per oltre quattro anni.
HabitatAlto mare e, stagionalmente, zone costiere.
AlimentazionePrevalentemente planctofaga con particolare attenzione ai calanoidi, ai copepodi cirripidi e vari tipi di larve.
RiproduzioneDa aprile a settembre e anche ad ottobre (ma in special modo da giugno a luglio) a seconda delle zone ricercando acque temperate sui 17°C. Uova pelagiche ovoidali (normalmente le uova pelagiche sono tondeggianti) emesse in quantità enormi (fino a circa 40.000).
Adattabilità acquarioNon si hanno notizie di prove di adattamento in acquario.
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta