Branzino (Dicentrarchus labrax)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaSerranidae, sottofamiglia: Moroninae
GenereDicentrarchus
Specielabrax
Classificazione(Linnaeus), 1758
Nome latinoDicentrarchus labrax
Sinonimi latiniPerca labrax, L., 1758; Labrax Lupus, Guver, 1828; Morone labrax, Boulenger, 1895; Roccus labrax, Bertolini, 1933; Dicentrarchus lupus, Fowler, 1936; Dicentrarchus labrax, Soljan, 1973.
Nome comuneBranzino.
Nomi dialettaliAbruzzo: Spina, spinola, varolo; Calabria: Spinu1a; Campania: Spinola, spinola bianca, spinola di pietra, spinola serena,vocca janca; Lazio: Lupo, lupasso, ragno, spigola,spinola, svigola; Liguria: Branzino, gingareo, loasso, loassu, loazzo, loupasson, louvasso, lovazzo, luasi, luassu, luvo; Marche: Bransino, spinarolo, varolo, varolotto; Puglia: Lupu, ragnetta, spain, spaine, spina, spinodda, spinola; Sardegna: Arranassa, arrangiola, arranzolu, branzinu, loasso, lupo, lupu, lupus, sperritu (j.), sperrittu (j.); Sicilia: Boraggia, borascia, buracciola, lupu de mari, percea, serra, serrania, spina, spinola, spinota, spinotta, spinottu, spinula, spinula janca. spinullatto; Toscana: Aragno, ragno, spinola; Veneto: Baicolat (j.), baicolo, baicoletto (j.), baicoli, bavoso, branginel, branzin, branzina, branzinoto, ragnioi (j.), ragnol, spigola bianca, vanino, variolo, varolo.
Sinonimi italianiSpigola, pesce lupo.
Nome ingleseBass.
Sinonimi inglesiCommon bass, sea bass, e inoltre: European sea bass, Gapemouth, gray bass, king of the mullets, salmon bass, sea dace, sea perch, sea wolf, white mullet, white salmon, white sea perch; per i giovani esemplari: school bass, schoolies. Attenzione: "Bass" é il termine dato, specie in Nord AmErica, a più di una dozzina di specie, sia di mare che d'acqua dolce, appartenenti ad almeeno 5 diverse farniglie, oltre la famiglia Serranidae. Così avremo specie chiamata "bass", con diversa aggettivazione, appartenenti alla famiglia Centrarchidae (di acqua dolce) e altre appartenenti alle famiglie marine degli Sciaenidae, Xenichthyidae, Scorpaenidae. Inoltre: il white mullet, uno dei tanti sinonimi di "bass", é anche il nome proprio di un muggine, presente in Atlantico e Pacifico, il Mugil curema, Cuvier&Valencielmes, 1836. Il termine "rnullet", ta1volta, applicato al branzino, può anche apportare confusione con termini come "red mullet", triglia e "Mullet", genericarnente per "muggine".
Pinne1°D: (VIII)-IX; 2°D: I,12-13; A: III, 10-11; P: 15-16; pelviche: I,5; C: 17.
DentiVilliformi, pluriseriali su mascelle, vomere, palatini e lingua. Branchiospine: 15.
Linea laterale71-72 (Vari AA.) per Lithgoe: 65-80, per Pronaci 70-75 squame.
TagliaPeso massimo oltre 12 kg. di carni molto apprezzate.
DistribuzioneMediterraneo; Atlantico orientale a nord fino alla Norvegia, a sud fino al Senegal; Baltico; Mare del Nord meridionale; Canale della Manica.
DescrizioneCorpo oblungo ma robusto ( rapporto altezza:lunghezza = 1:5), bocca molto grande in proporzione alla testa, due robuste spine sugli opercoli, due pinne dorsali nettamente separate; coda forternente forcuta, omocerca. Testa con squame cicloidi sopra, a differenza delle sltre quame del corpo che sono ctenoidi. Il dorso é dicolore grigio piombo ma tende a diventare verdastro se L'habitat é ricco di flora marina, come scrive M.Palunbo (1871), fianchi argento metallico, ventre bianco. I giovani possono essere macchiettati di nero, specie sul capo.
AbitudiniLittorale, gregario, specie da giovane, molto euritermo ed eurialino, negli adulti la crescita è molto lenta.
HabitatVive su fondali di vario tipo, preferibilmente su roccie e roccia e sabbia, in acque costiere, anche bassissime in mare grosso. Penetra spesso nelle lagune ed acque dolci specie se giovane.
AlimentazioneVorace predatore, prevalentemente carnivoro: gamberetti, granchi, cefalopodi, sgombri, anguille alla foce di fiumi, di cui è avidissimo ( M. Palumbo, 1971), muggini anche se morti ed in avanzato stato di decomposizione ( Peronaci, 1966); anzi, fino ai primi anni '50 non era difficile (Gianni Roghi, 1955) catturare alle prime luci, un branzino da 2-3 kg. dalla cui gola spunti la coda di un muggine da 3 o 4 etti.
RiproduzioneDa gennaio a marzo, ma non tutti gli AA. concordano. Uova ( 1-1,5 mm. con tuorlo indiviso ed una goccia oleosa di 0,3 mm. ad una estremità) pelagiche ma non particolarmente galleggianti, la loro densità è di poco inferiore a quella dell'acqua di mare ( D. Marlborough, 1974); galleggianti per Bini, demerse per De Gennis.
Adattabilità acquarioE' uno dei pesci marini che vive meglio in acquario; bisogna però introdurlo da giovane.
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta