Ghiozzetto baltico (Pomatoschistus microps)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaGobidae
GenerePomatischistus
Speciemicrops
ClassificazioneKroyer, 1838
Nome latinoPomatoschistus microps.
Sinonimi latiniGobius microp; Kroyer, 1838; Gobius parneii, Day, 1880; Pomatoschistus microps Bini, 1969.
Nome comuneGhiozzetto baltico
Nomi dialettaliNon ne esistono.
Sinonimi italianiNon ne esistono.
Nome ingleseStrand goby.
Sinonimi inglesiInesistenti.
PinneD1: VI; D2: I, 10; A: I,8-10; C: 13-15; P: 16; V: I, 5.
Denti
Linea lateraleDa 39 a 52 squame (Tortonese, 1975), ma è una caratteristica che sembra variare notevolmente col variare delle località da cui sono pervenuti gli individui in esame (Bini, 1968).
TagliaMassimo circa 4,5 cm.
DistribuzioneAtlantico orientale: dalla Norvegia al Marocco incluso il mar Baltico fino al Portogallo del sud ed al Mediterraneo occidentale. Anche in Mauritania e isole Canarie (fonte FishBase).
DescrizioneCorpo allungato con rapporto altezza:lunghezza = 1:5 circa, ricoperto da squame ctenoidi caduche, eccetto la gola che è a squame cicloidi. La colorazione è molto variabile a seconda del sesso, le dimensioni e l'ambiente; in linea di massima è grigio giallastro con punti neri sul dorso e sugli opercoli; vi è anche una serie di macchie nere laterali, di cui l'ultima, di solito più grande, è alla base della codale; una o due linee scure, verticali o trasversali, fra l'occhio e la bocca; pinne dorsali e codale giallastre con serie regolari di macchiette. Una macchia nera nella parte posteriore alla base della prima pinna dorsale.
AbitudiniRisulta relativamente comune solo nella laguna veneta ( è infatti molto eurialino) permane in fondali bassissimi, con un massimo di circa 3 metri.
HabitatFondi misti sabbiosi, fangosi e detritici in acque salmastre.
AlimentazioneCopepodi, vermi......
RiproduzioneFra maggio e agosto il maschio costruisce nidi in conchiglie di bivalvi, ricoperte poi di sabbia, e sorveglia le uova.
Adattabilità acquarioDovrebbe essere ottima; la difficoltà sta nel reperire il soggetto
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta