Ghiozzo nero (Gobius niger)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaGobidae
GenereGobius
Specieniger
ClassificazioneLinnaeus,1758
Nome latinoGobius niger
Sinonimi latiniGobius jozo, L., 1758; Gobius nebulosus, Risso, 1810; Gobius filamentosus, Risso, 1810; Gobius longiradiatus, Risso, 1826; Gobius jozo albescens, Canestrini, 1868; Gobius jozo nigriscens, Canestrini, 1868; Gobius jozo mayor, Kolombatovic, 1891; Gobius niger jozo, Padus, 1956.
Bini (1969) pone come primo nome scientifico latino, Gobius niger jozo, sostenendo, col Padua e altri autori, che il G. niger ha due forme:1) Gobius niger jozo di colore più chiaro e abbondante nel Mediterraneo; 2) Gobius niger niger, più scuro e pressoché esclusivo dell’Atlantico.
Nome comuneGhiozzo nero
Nomi dialettaliAbruzzo: Buatta, goatto sassarolo, sassarolo, Campania: Mazzone, mazzone ‘e fango, mazzone ‘e razza; Lazio: Mozzone; Liguria: Ghiggiun de fundu, ghiggiun de scheggiu, mugno; Marche: Goatto di maggio, guatto; Puglia: Baette, cuggione varvarule, cuggione de petre, cagione, fuggione, gaggiuni, gaggiuni de petra, gheggioene, ghiggion, maccarone, varvarulo; Romagna: Guatto, mursione; Sardegna: Conca de moru, maccione conca niedda, maccione de fangu, macciuni; Sicilia: Giurgiuni ‘i fangu, mazzaneddu, mazzanieddu maccarunaru, mazzuni, mazzuni ‘i fangu; mazzuni lisciu; saracino di fangu; saracino lisciu; Toscana: Ghiozzo,; Veneto: Gò, goato, guato, guatto de fondo, menuagia bianca, manuagia mora, paganelo de ma, paganeo de mar.
Sinonimi italiani
Nome ingleseMediterranea black goby.
Sinonimi inglesiBig goby, black goby.
PinneD1: VI ( Bini, 1969, Tortonese, 1975); V-VII (Miller, 1973); D2: 12-13 (Bini); I, 11-13 (Miller); I, 10-12 (Tortonese); A; 11-12 (Bini, Tortonese); I, 10-13 (Miller); P: 15-18; disco pelvico rotondo o oblungo.
DentiPluriseriali, piccoli e acuti.
Linea laterale29-34 ( Bini, 1986); 32-34 (Miller 1973); 33-45 (Tortonese, 1970)
TagliaAl massimo 16 cm.
DistribuzioneAtlantico orientale e mar Mediterraneo: nord Africa da Cap Blanc, a Muritania del nord , lato est del Canale di Suez; inoltre lungo le coste orientali dell’Atlantico fino alla Norvegia a Trondheim (Norvegia) e il mare Baltico. Anche conosciuto nel Mar Nero.
DescrizioneAspetto generale simile del genere, corpo tozzo con rapporto altezza: lunghezza = 1:5,5; i maschi adulti hanno dei filamenti come prolungamento dei 6 raggi della prima pinna dorsale.
Colore bruno, spesso quasi uniforme, accanto a toni più chiari verso il ventre; macchie nere sugli angoli anteriori delle pinne dorsali. Non è dotato di vescica natatoria.
AbitudiniSpecie bentonica molto comune presente dalle lagune al mare aperto fino a circa 80 m. di profondità.
HabitatFondali sabbiosi, fangosi e detritici.
AlimentazioneCarnivoro; minuscoli crostacei, vermi, molluschi e anche piccoli pesci.
RiproduzioneDa marzo a tutto maggio o anche oltre nel Mediterraneo, il maschio rimane a guardia delle uovo fino alla schiusa.
Adattabilità acquarioOttima giunge fino a deporre uova.
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta