Rombo di rena (Bothus podas)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaBothidae
GenereBothus
Speciepodas
Classificazione(Delaroche), 1809.
Nome latinoBothus podas
Sinonimi latiniPleuronectes podas, Delaroche, 1809; Pleuronectes mancus, Risso, 1810; Bothus rumolo, Rafinesque, 1810; Rhombus podas, Bonaparte, 1833; Platophrys podas, Jordan & Goss., 1899; Bothus podas, Kyle, 1913; Platophrys mancus, Chabanaud, 1933; Plathphrys podas, Fowler, 1936; Rhomboidichthys podas, Soljan, 1936.
Nome comuneRombo di rena.
Nomi dialettaliCalabria: Pettine; Campania: Palja e' scoglie, pettine uocchiuta, quattr'occhie, rummo, rumolo, taccone; Lazio: rombetto; Liguria: Rumbo bastardo, rumbo dì arena; Puglia: Prajezza, rumm; Romagna: romb; Sardega: Arumbulu, rumbulu d'arena; Sicilia: Pèttinu, rombu lisciu, rummulu mancanu, rummulu petulu, taccuni, zaccuni; Toscana: Quattrocchi.
Sinonimi italiani
Nome ingleseWide-eyed flounder.
Sinonimi inglesi
PinneD: 85-94/95; A: I, 65-70 (I, 63-73 per Nielsen); V: 6; C: 17. Branchiospine 6-9 molto corte.
DentiPluriseriati ( 2 o più serie), piccoli.
Linea laterale80 squame circa (Tortonese, 1975); da 81 a 92 (Bini, 1968), 75-86 (Nielsen, 1986).
TagliaMassima 22 cm. circa nell'Atlantico (Soljan,1975), fino a cm. 45 (Nielsen).
DistribuzioneAtlantico orientale: Mediterraneo e mare Adriatico; dalla Mauritania all'Angola, incluse Madera, Capo Verde e le isole Canarie (fonte FishBase). Non si trova nel Mar Nero.
DescrizioneCorpo ovale appiattito, rapporto altezza:lunghezza = 1:1,8 circa (senza tener conto come al solito delle pinne, rapporto che serebbe, altrimenti, 1:1,35 circa); mandibole prominenti; nei maschi 1 spina sul muso e 1-2 piccole dinnanzi agli occhi (o solo all'occhio inferiore); sempre nel maschio l'occhio inferiore è più in avanti, verso il muso, rispetto al superiore; il dimorfismo sessuale è espresso soprattutto dalla maggior distanza fra gli occhi. Squame ctenoidi sul lato degli occhi, cicloidi su quello cieco. Il colore è molto mimetico: macchie chiare e scure su fondo scuro.
AbitudiniVive solitamente semisepolto, su fondi sabbiosi da qualche decina di metri (anche meno) fino ad oltre 400; la metamorfosi (cioè la migrazione dell'occhio destro sul lato sinistro) si compie alla lunghezza di 3-4 cm.
HabitatFondi sabbiosi, anche fangosi;
AlimentazioneCarnivoro: piccoli pesci ed invertebrati.
RiproduzioneDa maggio ad agosto; uova pelagiche.
Adattabilità acquarioNon sembra adattarsi molto bene.
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta