Succiascoglio olivaceo (Lepadogaster candollei)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaGobiesocidae
GenereLepadogaster
Speciecandollei
ClassificazioneRisso, 1810
Nome latinoLepadogaster candollei.
Sinonimi latiniLepadogaster olivaceus, Risso, 1810; Lepadogaster jussieui, Risso, 1826; Lepadogaster decandollii e/o decandollei, Risso, 1826; Lepadogaster ottaviani, Cocco, 1833; Lepadogaster adherens, Bonaparte, 1846; Lepadogaster rafinesqui, Costa, 1850; Mirbelia decandollii, Canestrini, 1864.
Nome comuneSicciascoglio olivaceo
Nomi dialettaliCampania: Azzeccaprete, mazzone 'e scoglie; Liguria: tacca sheuggio; Marche: Pesce lacerta; Sardegna: Margiari de mari, margioni; Sicilia: Ampiscica, bausedda, pisci diavolo; Toscana: Mignattina; Veneto Pesce ranin, tacca sasso.
Sinonimi italianiNon ne esistono.
Nome ingleseConnemarra clingfish.
Sinonimi inglesiCandolli's clingfish, Red spotted sucker.
PinneD: 13-16; A: 9-11; P: 26-29; C: 10-15, 10-13 per J.C. Briggs, 1986; Disco pelvico: 4.
DentiAnteriormente pluriseriali, monoseriali sui lati, sia sulla mscella che sulla mandibola, acuti e ricurvi; sono presenti i denti faringei.
Linea laterale
TagliaMedia cm. 6, massima 10 (Soljan, 1975).
DistribuzionePresente dalla costa occidentale di Irlanda, Inghilterra, coste francesi e spagnole del golfo di Guascogna, Portogallo, Mediterraneo e parte del Mar Nero, costa algerina e del Marocco.
DescrizioneCorpo notevolmente appiattito e allungato con rapporto altezza:lunghezza = 1:7; bocca vagamente rassomigliante al becco d'anatra; Niente squame. I maschi hanno la papilla genitale più lunga e grossa. Colore variabile da rosso con macchiette chiare sulle pinne e con ventre giallo a verde o marrone con linee o macchie più chiare o più scure.
AbitudiniPermangono in acque basse, attaccati con il caratteristico organo ventrale ai sassi e agli scogli, resistendo validamente alle correnti di marea e ai frangenti.
HabitatSotto i sassi e tra le alghe.
AlimentazioneCarnivoro, animaletti vari e residui organici.
RiproduzioneDa aprile a luglio; uova demerse, collocate in nidi, magari formati da una conghiglia vuota.
Adattabilità acquarioOttima, vi permane a suo perfetto agio.
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta