Triglia di fango (Mullus barbatus)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaMullidae
GenereMullus
Speciebarbatus
ClassificazioneLinnaeus, 1758
Nome latinoMullus barbatus
Sinonimi latiniMullus ruber, Lacépède, 1798
Nome comuneTrigla di fango
Nomi dialettaliAbruzzo: Barbone, rusciole, triie; Calabria: Trigghia, trigghia sapunara; Campania: Treglia 'e fango, treglia 'e limma, treglia sapunara; Lazio: Trijia; Liguria: Cavon, cavun, treggetta, treggia, treggia de fangu, treggia de fundu, steglia de fango; Marche: Rosciolo, triglia; Puglia: Capetonne, capirozzuli (j.), caputedda, gestenedde (j.), minl, sbrigl, tregge de mogghie, treggh, tregghia caputedda, tregghia de capetello, tregghia de capitello, tregghia de fanghe, tregghia de muggghio, tregghie, treglia de muglio, treja caputedda, trejazzula, triglia di morghio; Romagna: Barboncino, barbone, rosciolo, ruscioletti (j.); Sardegna: Mangiadori, triglia, triglia arrubia, triglia de fangu, trigghia lirdi; Sicilia: Burghitana, sparacalaci, sparacunaci, trigghia, trigghia caputedda, trigghia de fangu, trigghia de gramigna, trigghia di riva, trigghia gamora, trigghiola, trigghioli, trigliettaj Toscana: Triglia di rena, triglia minore; Veneto: Barbon, barboncin, barbon de porto, cavassiol, cavasol, triglia arrubia, triglia de fangu.
Sinonimi italianiTriglia minore
Nome ingleseRed mullet
Sinonimi inglesiSriped mullet, blunt-snouted mullet, plain surmullet (N:B: in inglese il nome "mullet", spesso variamente aggettivato, è dato anche ai muggini).
Pinne1°D: VII-VIII; 2°D: I, 8-9 (Tortonese: Bini: 8,9); A: II,6-7; P: 15-17; C: 18; V: 1,5.
DentiVilliformi, presenti solo sulla mascella inferiore, vomere e palatini. Circa 15 branchiospine.
Linea laterale30, 40 squame.
TagliaLe femmine, eccezionalmente, fino a 25-30 cm., i maschi al massimo 20 cm.
DistribuzioneComune in tutto il Mediterraneo, nell'Atlantico orientale, probabilmente, raro più a nord delle coste inglesi.
DescrizioneCorpo oblungo poco compresso, grandi squame ctenoidi facili a distaccarrsi. Profilo anteriore del capo quasi verticale, più o meno accentuato ( che non é però discriminante assoluta per distinguere questo genere dall'altro); 3 scaglie (2 grandi e una più piccola) sulle guance. Codale forcuta con lobi uguali. di immediato riconoscimento per i "baffi" bianchi, chemioricettori, con cui fruga il fondo marino in cerca di vermi ed altro. Quando in riposo queste appendici riposte in un apposito alloggiamento: un solco nella parte inferiore del capo. Colore roseo, con molte variazioni secondo l'ambiente; pinne incolori o rosee. Gli stadi giovanili sono di colore blu mare, che man mano cambia col cambiare del colore del mare verso terra
AbitudiniGregario, meno da adulto. Vive fino a 300 m. di profondità.
HabitatFondi fangosi e anche sabbiosi.
AlimentazioneCarnivora (crostacei, molluschi, vermi, anche echinodermi e pesci) che va a razzolare sul fondo.
RiproduzioneDalla metà di aprile ad agosto. Uova pelagiche.
Adattabilità acquarioVive abbastanza bene specie se ambientata negli stadi giovanili.
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta. Roberto Scordari