Triglia di scoglio (Mullus surmuletus)

PhylumChordata
OrdinePerciformes
FamigliaMulidae
GenereMullus
Speciesurmuletus
ClassificazioneLinnaeus, 1758
Nome latinoMullus surmuletus
Sinonimi latiniMullus fuscatus, Rafinesque, 1810
Nome comuneTriglia di scoglio
Nomi dialettaliAbruzzo: Rusciole, trijie; Calabria: Trigghia ‘e morsu, trigghia ‘e scoggiu; Campania: Fragaglia ‘e treglie (J.), treglia ‘e morza, treglia verace; Lazio: Treglia de morsu, trijia de scojo; Liguria: Striglia de rocca, treggia de rocca, treggia de scheuggiu; Marche: Triglia di scoglio; Puglia: Tregga de scugh, tregga pènne, tregghia d’aspro, tregghia de petre, tregghia de scogliu, treja de scoju, trigghia russa; Romagna: Triglia, triglia rossa, triola; Sardegna: Trigghia arubbia, trigghia birdu, trigghia de erba, trigghia rubbia, trigghia birdi, triglia de scogliu; Sicilia: Sparacalaci, sparaganaci, trigghia, trigghia d’arca, trigghia de niuru, trigghia de passu, trigghia de solu, trigli pirchi (j,); Toscana: Triglia maggiore, triglia di scoglio; Veneto: Barbon de nassa, tria, triola, triolete de semena (j.).
Sinonimi italianiTriglia maggiore.
Nome ingleseStriped red mullet.
Sinonimi inglesiRed mullet, yellow-striped mullet, long-snouted mullet, striped surmullet, surmullet, talvolta (da alcuni AA.) anche striped mullet.
Per ovviare confusioni su questi termini:
Mullets = muggini ( e “grey mullet” col sinonimo “striped mullet” = M. cefalus)
Red mullet = triglie ( “ red mullet” = triglia di fango; “striped red mullet” e “ red mullet” = triglia di scoglio)
Pinne1° D: VII-VIII; 2° D: I, 8-9 ( Tortonese; Bini: 8,9); A: II 6-7; P: 15-17; C: 18; V: I, 5.
Circa 15 branchiospine.
DentiVilliformi, presenti solo nella mascella inferiore, vomere e palatini.
Linea laterale36-40 squame.
TagliaMassimo 40 cm.; per Roghi (1955) cm. 50, fino ad 1 Kg. di peso massimo.
DistribuzioneIl Mullus è il solo genere di questa famiglia tropicale che sia nativo dell'area mediterranea,nella quale,al momento, sono segnalate almeno 3 specie provenienti da Mar Rosso.
DescrizioneSi diversifica dalla M. barbatus (triglia di fango) per 2 scaglie sulle guancie ( invece di due grandi più una più piccola); profilo molto verticaleggiante e dimensioni maggiori. Il rapporto altezza:lunghezza di 1:4,5 è pressoché uguale tra le due.
Nella triglia di scoglio il colore è molto variabile ( a seconda l’individuo, l’ambiente, gli stati emotivi…), ma è sempre di un rosso più marcato di quella di fango, 3-4 striscie dorate longitudinali, la pinna dorsale ha fasce rosso brunastre. Negli stadi giovanili il colore blu rimane fino alla lunghezza di 65 mm.; nel congenere rimane fino ai 45 mm (Bini, 1968).
AbitudiniI giovani sono gregari, gli adulti solitari o in piccoli gruppi.
HabitatFondi rocciosi, dalla superficie a, raramente, oltre i 100 m.
AlimentazioneCarnivora
RiproduzioneDai primi di aprile ad agosto, anticipatamente un po’ il congenere. Per altri AA. Da maggio ad agosto.
Adattabilità acquarioVive abbastanza bene specie se ambientata negli stadi giovanili.
Fonti tassonomicheAntonio Gori
Fonte fotograficaFerdinando Quaranta